Residenza Artistica 2016



COMPAGNIE IN RESIDENZA – ANNO 2016


DRAMMATURGIA CONTEMPORANEA


COMPAGNIA IL SERVOMUTO (Brescia)
Periodo di residenza: luglio 2016
Obbiettivo C

La compagnia teatrale II ServoMuto nasce nel 2010 dall’incontro di tre giovani attori e operatori teatrali (Pavel Zelinskiy, Michele Segreto e Diego Veneziano). I tre avviano la compagnia nel 2011 insieme a Diletta Ferrai e Cecilia Botturi. L’anno successivo si uniscono alla formazione anche Irene Carta e Luisa Gustinelli, mentre si intensificano le collaborazioni con attori di varia formazione, che collaborano su progetti specifici anche di natura non prettamente teatrale. Nel 2014 il ServoMuto vince il Bando SPOTbs – Sostegno alla Produzione Teatrale Off di Brescia e realizza la performance urbana FAR EAST, cura nuove produzioni e replica gli spettacoli in repertorio in tutta Italia. Nel 2015 realizza lo spettacolo ZINNFIGUR – Soldatini di stagno, prima co-produzione con il Teatro Telaio. Nel febbraio dello stesso anno, il primo studio dello spettacolo  POLVERE, nato da un progetto di Marzia Gallo, vince la VI Edizione del Premio Petroni di Residenza Idra. Nel 2014 inizia a collaborare con il giovane regista Lorenzo Collalti (vincitore a Spoleto dell’European Young Theatre 2015 e del Premio SIAE 2015).


Progetto “Come tutte le cose buone anche la guerra da principio è difficile”
Con Francesca Franzé, Marzia Gallo e Matteo Vignati
Regia e drammaturgia Michele Segreto

Il 6 Aprile 2014 in Ucraina, nelle regioni di Donetsk, Luhansk e Kharkiv, è scoppiata quello che è stato poi ribattezzata la Guerra dell’Ucraina orientale o Guerra del Donbass: vede schierati diversi contingenti, ma in generale si fonda sull’opposizione tra il governo ucraino e i separatisti filo-russi.

Si tratta di un conflitto attualmente ancora in corso ma che, benché estremamente sanguinoso, viene scarsamente monitorato dai media e dall’opinione pubblica internazionale. La stessa Europa è divisa su come affrontare il conflitto e non intende opporsi frontalmente all’atteggiamento russo. In questo clima di indecisione, il massacro continua…

In un mondo diviso in bianco e nero, in cui la guerra porta gli uomini ad un livello vitale quasi animalesco, tra i violenti giochi di potere degli schieramenti, la gran parte della popolazione subisce soprusi e violenze inaudite.

Il tutto, unito ad un clima di sostanziale disinteresse da parte dei media occidentali, della stampa e una poca comprensione dei meccanismi che fanno di quelle regioni una polveriera, la cui esplosione era preannunciata da decenni…


COMPAGNIA FRANCESCA FRANZé (Brescia)
Periodo di residenza: ottobre-novembre 2016
Obbiettivo A: in attraversamento con Teatro Due Mondi – Faenza (Emilia Romagna)

Francesca Franzè nasce a Brescia il 25 maggio del 1981, intraprende la sua formazione teatrale indirizzando il suo interesse nell’ambito del linguaggio contemporaneo, studiando, con vari maestri, le diverse contaminazioni tra teatro, performance e canto. Tra questi Silvio Castiglioni, Claudia Contin, Renata Palminiello, Danio Manfredini, Abbondanza Bertoni, Mamadou Dioume, Claudio Misculin, Lello Cassinotti, Cristiana Morganti, Oscar De Summa, Giuliana Musso. Da subito affianca al lavoro di attrice quello di operatrice teatrale in contesti di fragilità sociale e disabilità fisica e psichica.
Nel 2008 debutta come attrice professionista negli spettacoli per ragazzi prodotti dal Teatro Telaio di Brescia. Nell’anno 2011-2012 lavora all’interno del carcere di Bollate, partecipando al laboratorio teatrale condotto da Michelina Capato.
Nel 2012 partecipa come attrice alle produzioni Crucifige dell’Accademia della Follia per la regia di Claudio Misculin e Vesperanza per la regia di Cyrille Doublet. Nel 2014 torna in scena con Ulisse, regia di Angelo Facchetti spettacolo prodotto dal Teatro Telaio con il Ctb Teatro Stabile di Brescia. Sempre nel 2014 produce con Jessica Leonello il recital a due voci Breviarium. Partecipa alla creazione di Far East/western urbano a San Polino – Progetto vincitore del bando Spot / Sostegno alla produzione bresciana off teatrale.
Nel 2015 poi, in collaborazione con il fisarmonicista Davide Bonetti, crea il progetto-concerto In Cortile, cantando brani dei primi del 900 all’interno delle stanze dei degenti delle Case di Riposo. Sviluppa il lavoro con la terza età conducendo percorsi di narrazione autobiografica e recupero del ricordo. Nel 2014 dà vita al nuovo progetto teatrale Ommioddio.

Bolognese, nato il 3 giugno del 1986, Luca Serafini inizia il suo percorso teatrale nel 2006 frequentando il laboratorio teatrale Segni & Sensi diretto da Danilo De Summa, qui incontra Veronica Capozzoli con la quale, insieme a Stefano Girolami, nel 2008 fonda la Compagnia ReSpirale Teatro con cui collabora fino al 2013 in qualità di attore, drammaturgo e disegnatore luci e che si aggiudica la Segnalazione Speciale Premio Scenario 2011 con lo spettacolo L’Italia è il Paese che amo e il Premio Scintille Asti 2013 con lo spettacolo Again/By now.
Contemporaneamente continua la sua formazione seguendo stages di Augusto Omolou, Alessio Nardin, Fibre Parallele, Mamadou Dioume e frequentando la scuola di Commedia dell’Arte Luis Jouvet diretta da Massimo Macchiavelli.
Dal 2007 ad oggi ha partecipato inoltre in qualità di attore a numerosi spettacoli tra cui le produzioni per il Teatro Ragazzi Chi la fa l’aspetti e Seme Seme – storia di un volo a testa in giù, entrambi prodotti da Accademia Perduta Romagna Teatri e gli spettacoli Uno, Duo e Molti di Davide D’Antonio e prodotti dal Teatro Inverso di Brescia. Nel 2014 entra a far parte del progetto Ommioddio in qualità di drammaturgo e interprete.

Progetto: “Fail”
Concept Francesca Franzè
Con Francesca Franzè e Luca Serafini
Dramaturg Letizia Buoso

“Se ciascun essere umano è un fiore e cresce verticale accanto agli altri nel campo

Fail. La crisi economica e i suoi effetti attraverso l’esperienza di un imprenditore in battaglia che non vuole arrendersi all’evidenza del fallimento della sua azienda e scommette sulle sue capacità professionali e manageriali, oltre che sulle risorse della sua attività, cercando di contrastare e superare i severi limiti imposti da un contesto di recessione economica come quello degli anni 2008-2009. La scena nasce dall’osservazione partecipata e dal ricordo di quest’uomo: è il nostro reagire dal presente a questa vicenda, assumendoci i ruoli di chi c’era ed era coinvolto, in una relazione di successione, dove chi viene dopo può farsi filtro vivente e portare anche le proprie risorse interpretative. Il fallimento è esplorato come attitudine e propensione dell’individuo a mettere in atto un piano programmatico di azioni, già in potenza autosabotanti, in un continuo intersecarsi di proiezioni sul futuro e conseguenze delle scelte passate, valutazioni errate, slanci onesti e coraggiosi, in un presente controverso. Prendono vita una pluralità di visioni che inseriscono il fallimento tra le possibilità intrinseche alla ricerca di una realizzazione personale, tra il successo o l’inefficacia dell’agire. I materiali industriali recuperati dall’azienda chiusa diventano tracce installative. I fatti non sono più solo materiale di archivio, ma anche elementi che si relativizzano e insieme trovano nuovo senso tra i percorsi possibili dell’esistenza.


CIRCO CONTEMPORANEO


COMPAGNIA ONARTS (Torino)
Periodo di residenza: settembre 2016
Obbiettivo A: in attraversamento con con C.L.A.P.Spettacolodalvivo – Brescia (Lombardia)

Giulio Lanzafame ha frequentato il Performing Arts University Torino di Philip Radice. Nel 2006 frequenta la Scuola di Circo FLIC di Torino e successivamente parte alla volta del Canada nel 2009 per conseguire il diploma alla prestigiosa Ecole National du Cirque de Montreal (Cirque du Soleil) e affronta con successo il suo ultimo esame con un numero di giocoleria, dinamico e acrobatico: “Momento Poetico” che gli consente di lavorare da un continente all’altro. Giulio grazie ai suoi spettacoli e numeri di circo si è esibito in qualsiasi tipo di palcoscenico dai cabaret di tutta Europa quali Palazzo Colombino (DE), Kristal Palast (DE), Thou (QC), Teatro Stabile Catania, S.A.N.C.A. Annext (WA) e innumerevoli festival di circo e arte di strada tra cui Sol Y Circo (DE), Mercantia (IT), Golden Circus Festival (IT).
Attualmente è docente di giocoleria del corso professionale della Flic Scuola di Circo Torino. Ha fondato nel 2002 OnArts di cui ne è ancora parte e si esibisce nei Teatri con il suo spettacolo Tramp.

Progetto: “Tramp”
Di e con Giulio Lanzafame

TRAMP è uno spettacolo di Circo in bilico tra giocoleria e corda molle che, passando tra le strade dell’acrobatica e della musica, accompagnerà il pubblico attraverso le vicende e i capitomboli di un personaggio in cerca di soluzioni.


MUSICA  CONTEMPORANEA


COMPAGNIA EELL SHOUS (Monza Brianza) Periodo di residenza: novembre-dicembre 2016
Obbiettivo A e C: in attraversamento con Ass. Errare Persona – Frosinone (Lazio)

Davide ScartyDoc Passoni e Marco Tenpo Lombardo sono EELL SHOUS, un duo di performer d’assalto. Praticano l’arte marziale del rap teatrale, diffondendo questa occulta disciplina tramite i loro due album pubblicati da Irma/Mandibola Records, “Spazzatura” e “Buona Colazione”. Abili nell’utilizzo del beatbox e del campionatore, i lori concerti non sono esecuzioni musicali, ma azioni musicali che coinvolgono direttamente il pubblico. Hanno collaborato con Uochi Toki, Maicol & Mirko, Musteeno, The Spleen Orchestra – Tim Burton Show. Nel 2014 hanno vinto il Premio Alberto Dubito – Poesia e Poesia in Musica, promosso da Agenzia X. Nello stesso anno sono giunti alle finali del Campionato Nazionale di Poetry Slam. Dal 2011 ad oggi hanno aperto i concerti di: Dope DOD, Salmo, Foreign Beggars, Dub Fx, Clementino, Kiave, Mecna, Rancore & Dj Myke, Kaos, Colle Der Fomento, Niveau Zero, Teki Latex e molti altri in locali come Magnolia, Bloom, Tunnel, Naba, Live Club Trezzo.

Progetto: “Buona colazione show”
Di e con Davide Passoni e Marco Lombardo

Il progetto BUONA COLAZIONE SHOW nasce per rendere l’ultimo album della compagnia uno spettacolo teatrale adatto ad un pubblico giovane (16-25 anni), così da parlare e far riflettere questo target su tematiche importanti attraverso un linguaggio accattivante.


Vuoi proporre una residenza? Contattaci!


 

Con il contributo di:

regione_cultura_Everest
fondcariplo_everest
mibact_new2