Portfolio Categories Teatro

Laboratorio Intensivo “I cinque sensi dell’attore”

I Cinque Sensi dell'Attore - Teatro del Lemming

Torna nel milanese, dopo oltre tre anni di assenza, Teatro del Lemming, compagnia di ricerca fondata a Rovigo nel 1987 dal regista e compositore Massimo Munaro e dal regista e scenografo Martino Ferrari.

Due sono gli appuntamenti che li vedranno protagonisti tra febbraio e marzo presso il Circolo Everest, Via S. Anna 4 Vimodrone.

Il primo, per un pubblico appassionato di teatro contemporaneo sperimentale, si terrà il 24.02.17 alle 21:00 in occasione del quarto appuntamento della rassegna “Sherpa-Teatro d’Altitudine” promossa dal Circolo. 

Il secondo appuntamento è invece dedicato a tutti gli attori e a coloro che desiderano intraprendere un percorso votato all’ascolto, adeguamento e dialogo. Si tratta del workshop intensivoI cinque sensi dell’attore” che si terrà da venerdì 17 a domenica 19 marzo presso il Circolo Everest.

DATE E ORARI
venerdì 17.03.17 |  dalle 19:00 alle 23:00
sabato 18.03.17 | dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00
domenica 19.03.17 | dalle 10.00 alle 16.00

DOVE
Circolo Everest, Via Sant’Anna 4, Vimodrone (MI)
Fermata MM2 Vimodrone

COSTI
200 € per chi si iscrive dopo venerdì 03.03.17

180 € per chi si iscrive entro venerdì 03.03.17
Massimo 25 iscritti

IL LABORATORIO
Per essere in grado di costituirsi come GUIDA, ossia colui che conduce lo spettatore in quell’altrove che costituisce da sempre lo spazio del teatro, l’ATTORE deve innanzi tutto affinare le sue capacità di ASCOLTO – ADEGUAMENTO – DIALOGO. Questi tre principi saranno sviluppati contemporaneamente in quattro diverse direzioni: su di sé, sui compagni, sullo spazio che li ospita, sullo spettatore.

Lo strumento principale della ricerca sarà il corpo nella sua pienezza animistica, in quella nudità sorprendente che conduce alla nudità di sé e, forse, alla verità dell’incontro con altre anime e corpi.

I cinque sensi dell’attore, indagati separatamente e poi in continua sinestesia fra loro, sono per il Teatro del Lemming, oltre che un appello alla pienezza della vita, una via d’accesso all’altrove del teatro e alle capacità creative dell’attore.

Nella sua relazione ravvicinata ed intima con se stesso, con i compagni, con lo spazio e con lo spettatore l’attore sarà  indotto ad una messa a nudo radicale, ad una ricerca personale e tecnica che passa per una disponibilità assoluta all’ascolto e all’attenzione di sé e dell’altro.

DOCENTI
Il Laboratorio sarà condotto dal regista Massimo Munaro e dall’attrice Chiara Elisa Rossini.

TEATRO DEL LEMMING 
Il Teatro del Lemming è una compagnia teatrale di ricerca fondata nel 1987 è finanziata dal MiBACT dal 1997. Vincitore di numerosi premi tra cui il Premio Totola, il Premio Piccoli Palcoscenici, il Premio UBU Giuseppe Bartolucci e il Silver Snowflake al Sarajevo Winter Festival, il Lemming è da tempo riconosciuto come uno dei gruppi di punta del nuovo teatro italiano ed europeo.

 

COSA PORTARE
1 quaderno
1 penna
1 coperta
1 candela con portacandela
1 benda

COSA INDOSSARE
vestiti comodi bianchi e neri


INFO E PRENOTAZIONI
Chiama i numeri 02.36580730 | 328.1216917

Scrivi a teatro@industriascenica.com
Oppure passa a trovarci: siamo in via Sant’Anna 4 a Vimodrone (previo contatto telefonico).


 

24.02.17 “Giulietta e Romeo.Lettere dal mondo liquido”

Romeo e Giulietta - Teatro del Lemming

Venerdì 24 febbraio 2017, ore 21:00
“Sherpa – Teatro d’Altitudine”
presenta…


TEATRO DEL LEMMING


Torna nel milanese, dopo oltre tre anni di assenza, Teatro Lemming, compagnia di ricerca fondata a Rovigo nel 1987 dal regista e compositore Massimo Munaro e dal regista e scenografo Martino Ferrari.

In occasione del quarto appuntamento di “Sherpa-Teatro d’Altitudine”, venerdì 24 febbraio 2017, ore 21:00, la storica compagnia di Rovigo metterà in scena sul palco del Circolo Everest, Via S. Anna 4 Vimodrone, lo spettacolo teatrale “Giulietta e Romeo. Lettere dal mondo liquido”, nato dal lavoro condotto dal Teatro del Lemming sui miti shakespeariani.

Dal 2010 la compagnia ha infatti spostato il suo interesse verso il noto drammaturgo inglese,  perno fondante della cultura teatrale occidentale e figura di riferimento per un teatro inteso come “specchio dell’anima”. Il lavoro su Shakespeare ha portato alla realizzazione dello spettacolo “Amleto” (2010), che ha suscitato molto interesse anche all’estero, partecipando al Gdansk Shakespeare Festival nel 2012 e risultando vincitore del Sarajevo Winter Festival 2013 come miglior spettacolo teatrale, e dello spettacolo “Romeo e Giulietta. Lettere dal mondo liquido” (2013), che è stato presentato in numerosi teatri e festival nazionali, suscitando particolare attenzione e interesse tra gli studenti delle scuole superiori.

IN RASSEGNA

GIULIETTA E ROMEO
Lettere dal mondo liquido
Compagnia Teatro del Lemming

con Fiorella Tommasini, Chiara Elisa Rossini, Diana Ferrantini, Alessio Papa, Alessandro Sanmartin, Maria Grazia Bardascino, Katia Raguso
musiche di Massimo Munaro
regia di Massimo Munaro e Chiara Elisa Rossini

 

SINOSSI
Nel suo nucleo essenziale la vicenda di GIULIETTA E ROMEO propone il conflitto fra individuo e potere, alla base, seppure in altro modo, anche del precedente AMLETO. E se per il Principe di Danimarca si trattava vanamente di opporsi alla corruzione e al marciume della corte, qui è il conflitto fra due famiglie rivali, i Capuleti e i Montecchi, a soffocare l’amore dei due giovani nati sotto contraria stella. Interrogare Giulietta e Romeo ha significato per noi, da subito, interrogare le nostre vite ed il nostro fragile tempo presente. Ed il nostro tempo presente è proprio il mondo liquido di cui parla Zygmunt Bauman, una società sotto assedio in cui tutto sembra precario, provvisorio, mutabile, senza certezze e senza rassicurazioni, dove tutto scorre veloce, su un unico binario, quello della mercificazione.

Dove si colloca allora il mito di Giulietta e Romeo in questa società in cui, per restare a Bauman, anche l’amore ha perso la sua forza titanica, mitologica, ed è divenuto liquido, precario come tutte le cose del mondo?

Chi sono Giulietta e Romeo per noi? Questi due giovani sono davvero così inevitabilmente lontani dalle nostre vite? C’è qualcosa o qualcuno per cui saremmo disposti a sacrificare tutto? Che cosa saremmo disposti a fare per vivere il nostro amore?

Eppure proprio il continuo confronto con il testo shakesperiano ci ha aiutato a trovare un nuovo sguardo sulle questioni nella quali ci dibattiamo ogni giorno.

In questo senso il processo creativo che abbiamo messo in atto, ha invertito l’assunto dal quale spesso siamo partiti per la costruzione dei nostri lavori: se le nostre vite sono mimetiche del mito, allora forse significa che frammenti di mito sono sparsi persino nelle nostre povere esistenze. Se ciò è vero allora è possibile trovare anche nel vissuto individuale di ciascuno attore qualcosa che abbia un valore e un significato universale. Perché forse solo ciò che ha una reale necessità personale può giungere ad essere condiviso anche da altri. Un po’ come accade nell’amore, appunto.

Il nostro spettacolo è formato da lettere. Queste lettere sono da intendere anche come capitoli, punti nodali del lavoro: brandelli di un tempo presente in cui la dimensione solida, quella del mito, non è ancora andata del tutto perduta e in cui si rintracciano storie di un desiderio contrastato, tracce di una violenza esplicita o nascosta, contrasti insanabili, ma anche la tenacia di un volere che non demorde.

La forma della lettera – così apparentemente desueta in tempi di email o di SMS, eppure a tutti così cara – ci ha aiutato a mantenere un dialogo fitto e fecondo fra il tempo incorruttibile di Giulietta e Romeo e questo nostro presente che anela ad una trasformazione vitale.


INFO BIGLIETTI

Intero 13€
Ridotto (residenti a Vimodrone, under 18, over 65) 10€
Ridottissimo (associati Amnesty, A.N.P.I., CAI) 6€


 PRENOTAZIONI

Chiama i numeri 02.36580730 | 328.1216917
Per info: comunicazione@industriascenica.com
Oppure passa a trovarci: siamo in via Sant’Anna 4 a Vimodrone (previo contatto telefonico).

Tutti gli spettacoli si svolgono presso
il Circolo Everest, Via Sant’Anna 4, Vimodrone (MI)
Fermata MM2 Vimodrone


Ti racconto una Favola a Vimodrone 2017: il programma di Febbraio.

nonni febbraio

Dopo il successo riscontrato durante la stagione 2015/2016 ritorna “Ti racconto una favola a… Vimodrone“, appuntamento per famiglie nato dalla collaborazione tra la Biblioteca di Vimodrone, Circolo Everest e  Cooperativa Sociale Industria Scenica.


CALENDARIO DI FEBBRAIO 2017


Domenica 12.02.2017 | ore 11:15
NONNO, MI RACCONTI UNA FAVOLA?

presso il Circolo Everest | Via S. Anna, 4 –  Vimodrone
Fiaba: “Un quartiere nel Pallone”
Una storia di regole e rispetto
Ingresso: gratuito

Domenica 19.02.2016 ore 11:15
FIABE TRADIZIONALI
lette e animate da Rina Perego e Vincenzo Gornati
presso la Sala Carlo Porta | Via Cesare Battisti, 29/A
Ingresso: gratuito

Ogni mercoledì pomeriggio alle ore 16:45
LE FIABE LIBRAMBINI

presso la Libreria Librambini | Viale Martesana, 95 – Vimodrone
Ingresso: gratuito


PER INFO

Telefono 02.36580730 | 02.95299528
Mobile 328.1216917

03.02.17 Proiezione “Khan Tengri Expedition 2015”

03.02.17 evento cai

Venerdì 3 febbraio, ore 21:00, torna al Circolo Everest il CAI di Vimodrone per presentare un documentario che vi farà scalare alte vette. A aprire la serata il video documentario “VimoStory”, storia della città di Vimodrone, accoglierà tutti i partecipanti.


il documentario

KHAN TENGRI EXPEDITION 2015
“Principe degli spiriti”, la montagna piu’ alta del Kazakistan

 

Durata: 30 minuti
Regia: Diego De Pol  e Matteo Gebbia

SINOSSI
foto1
Siamo Asia Centrale, precisamente sulle montagne del Tien Shan. Quattro amici -Riccardo Ruffo, Giovanni Cattaneo, Roberto Grassi e Claudio Moscotti – organizzano una spedizione che li condurrà verso il Khan Tengri, “Principe degli Spiriti”, la cui vetta, una delle più belle al mondo, svetta in alto come un gigantesco rubino sfaccettato, incastonato nel cielo color turchese scuro.

Un documentario per rivivere insieme ai protagonisti le emozioni vissute durante i preparativi, la fatica della salita e lo stupore provato dinnanzi a un panorama mozzafiato.


INFO SERATA


Quando: venerdì 03.02.17 | 21:00
Dove: Via Sant’Anna 4, Vimodrone (MI) | Fermata MM2 Vimodrone
Ingresso: gratuito

Tel: 02.95299528 | 328.1216917
Mail: info@industriascenica.com


 

 

 

20.01.17 “Sherpa Teatro d’Altitudine” presenta “Le Rotaie delle Memoria”

Venerdì 20 gennaio 2017, ore 21:00
“Sherpa – Teatro d’Altitudine”
presenta…


Serata dedicata alla Giornata Internazionale
della Memoria


IN RASSEGNA

LE ROTAIE DELLA MEMORIA
Monologo sulla vita del militante politico Albino Calletti
Compagnia Eco di Fondo

di Giulia Viana e Giacomo Ferraù
regia di Giacomo Ferraù
con Giulia Viana

spettacolo vincitore del Premio A.N.P.I. cultura 2008 Nord Ovest Ticino

SINOSSI

Le rotaie della memoria, testo scritto nella sua prima versione da Giulia Viana, nasce nel 2002 da una ricerca di storia su un perseguitato politico del fascismo nella Valle del Ticino, Albino Calletti. Lo spettacolo viene messo in scena nel 2003 in forma di narrazione. Nel 2008 vince il Premio Cultura A.N.P.I. OVEST TICINO con la seguente motivazione: “A Giulia Viana, una giovane voce che con sensibilità, intelligenza e talento raccoglie la testimonianza del passato dando nuova linfa ai valori della Resistenza.”

Nel 2012, Giulia Viana decide di riprendere il lavoro, e lo riscrive insieme a Giacomo Ferraù, che curerà anche la regia, con il quale nel 2009 ha fondato l’Associazione Eco di Fondo.

Perché parlare di resistenza oggi? Cosa ci avvicina e cosa ci allontana da quel periodo? Cosa può insegnare alla nostra generazione il confronto diretto con una realtà apparentemente così lontana? La sfida che costituisce la natura più intima dello spettacolo è appunto il tentativo di mettersi a nudo di fronte a questa grande domanda.

Albino Calletti si racconta: la Federazione giovanile comunista di Castelletto Ticino, il carcere, la guerra in Russia, l’esperienza da partigiano e il ritorno a casa. La sua è una vera e propria missione, un senso enorme di responsabilità non solo per i suoi cari, ma anche e soprattutto per i compagni.


PROGETTO APRIPISTA

APERTURE

di Michele Rota
con la partecipazione dell’Associazione Teatro delle Biglie
In scena: Orazio Zapparrata, Paolo Manca, Jakko Di Martino, Celia Cardona, Federico Espositi
Scenografie: Bivio Architettura

SINOSSI

In ogni momento della nostra vita abbiamo una scelta.
Tre personaggi senza più nulla nemmeno il nome dietro un muro scelgono di voler tornare dall’altra parte, in un’impresa che da soli sembra impossibile.


INFO BIGLIETTI

Intero 13€
Ridotto (residenti a Vimodrone, under 18, over 65) 10€
Ridottissimo (associati Amnesty, A.N.P.I., CAI) 6€

ACQUISTA LA PREVENTITA SU VIVATICKET


 PRENOTAZIONI

Chiama i numeri 02.95299528 | 328.1216917
Per info: comunicazione@industriascenica.com
Oppure passa a trovarci: siamo in via Sant’Anna 4 a Vimodrone (previo contatto telefonico).

Tutti gli spettacoli si svolgono presso
il Circolo Everest, Via Sant’Anna 4, Vimodrone (MI)
Fermata MM2 Vimodrone


EVENTO ORGANIZZATO CON IL CONTRIBUTO DEL COMUNE DI VIMODRONE – ASSESSORATO ALLE PARI OPPORTUNITA’ E DELEGA PACE E COOPERAZIONE
IN COLLABORAZIONE CON A.N.P.I. Sez. E. Ottolini – Vimodrone


10.12.16 Vimodrone Natalizia. Evento gratuito per grandi e piccini!

vimo-natalizia

Circolo Everest in collaborazione con il Comune vi invita sabato 10.12.16 alle 16:00 all’appuntamento gratuito per grandi e piccini “Vimodrone Natalizia”, un intero pomeriggio per festeggiare e scambiarci gli auguri di Natale!


IL PROGRAMMA


ore 16:00 c/o Circolo Everest – Via S. Anna 4
SPETTACOLO TEATRALE
“A scuola di Babbo Natale”

L’addobbo, in scena, dell’albero di Natale è l’occasione per raccontareuna storia fantastica semplice e allegra, sostenuta da una punta di tenerezza, che ci ricorda che uno degli effetti dello spirito del Natale è far tornare tutti bambini, accendere la speranza che anche gli eventi magici e impossibili possano realizzarsi.
E’ ciò che in effetti accade al signor Franco, uomo anziano che, come molte persone che hanno dedicato una vita al lavoro, seppur umile, dopo essere andato in pensione non sa più come riempire le sue giornate. Perfino la moglie non lo vuole tra i piedi, abituata com’è alla sua solita vita, al suo tran tran operoso un po’ intralciato dall’inattività forzata del marito. Ci vuole un hobby. Perché, si sa, lo stare senza far nulla favorisce l’ invecchiamento e l’unico modo per restar giovani dentro è trovare qualcosa cui appassionarsi. E il signor Franco – che, diciamolo, ci fa parecchia simpatia con quella barba bianca un po’ spettinata, lo sguardo svagato e gli occhi curiosi – qualcosa alla fine la trova davvero. Cosa c’è che ringiovanisce e rende arzilli di più dell’andare a scuola? Ma la scuola in questione non è certo quella noiosa tutta nozioni e interrogazioni. Nessuna Università della terza età o corsi per nonnetti…Questa è una scuola magica! E’ la scuola per i futuri aiutanti di…Babbo Natale!Le lezioni comprendono: l’arte di produrre una risata sonora e babbonatalesca, l’ abilità nel confezionare pacchi e pacchetti, la capacità di portare con eleganza il tradizionale abito rosso, l’addestramento renne…fino all’insegnamento più incredibile: quello di volo, a bordo della slitta fatata sui cieli notturni della città.


ore 17:00 c/o Circolo Everest – Via S. Anna 4
LABORATORIO CREATIVO NATALIZIO


ore 17:30 partenza Via S. Anna 4 / arrivo Piazza Principale di Vimodrone
PARATA LUNINOSA
Accompagnati da altissimi trampolieri, dal Circolo Everest raggiungeremo la piazza principale per lanciare nel cielo le laterne volanti e augurarci Buon Natale!

 

Ti racconto una Favola a Vimodrone. Il programma di Dicembre

nonni-dicembre

Ti racconto una favola a… Vimodrone” è l’ appuntamento per famiglie nato dalla collaborazione tra la Biblioteca di Vimodrone, Circolo Everest e  Cooperativa Sociale Industria Scenica.

In occasione dei 150 anni della città di Vimodrone, l’iniziativa prevederà storie del passato lette e animate per raccontare la nostra città ai più piccoli.


CALENDARIO DI DICEMBRE


Domenica 11.12.2016 | ore 11:15
NONNO, MI RACCONTI UNA FAVOLA?

presso il Circolo Everest | Via S. Anna, 4 –  Vimodrone
Fiaba: “Filo Magico”
Ingresso: gratuito

Domenica 18.12.2016 ore 11:15
LE FIABE IN BIBLIOTECA
presso la nuova Biblioteca Lea Garofalo | Via Cesare Battisti, 56 – Vimodrone
Fiabe tradizionali della cultura popolare lette e animate da Rina Perego e Vincenzo Gornati.
Ingresso: gratuito

Ogni mercoledì pomeriggio alle ore 16:45
LE FIABE LIBRAMBINI

presso la Libreria Librambini | Viale Martesana, 95 – Vimodrone
Ingresso: gratuito


PER INFO

Telefono 02.36580730 | 02.95299528
Mobile 328.1216917
Mail comunicazione@industriascenica.com

16.12.16 “SHERPA-TEATRO D’ALTITUDINE” PRESENTA “VIMOSTORY”

sgerpa-16-dic

Venerdì 16 dicembre 2016, ore 21:00
La stagione teatrale va in trasferta…


PER CELEBRARE
I 150 ANNI DEL COMUNE DI VIMODRONE


Il 16 dicembre 2016 il nostro comune compirà il suo 150° anniversario. Un “compleanno” che merita di essere festeggiato nel migliore dei modi, perché in questi 150 anni la nostra comunità è cresciuta e si è trasformata.

Industria Scenica e Circolo Everest hanno deciso di aderire all’iniziativa con VimoStory, progetto di drammaturgia di comunità  vincitore del bando “Patrimoni culturali immateriali in area lombarda” promosso da Regione Lombardia.

Il progetto prevederà una lettura scenica e un video racconto per conoscere meglio il passato di questa città e riflettere sull’identità della nostra comunità.

VI ASPETTIAMO
venerdì 16.12.16 | ore 21:00
c/o Nuovo Auditorium Comunale di Via Battisti 56, Vimodrone
INGRESSO GRATUITO


LETTURA SCENICA


VIMOSTORY
Industria Scenica/Elea Teatro

di e con Serena Facchini e Ermanno Nardi
accompagnamento musicale Vito Morello e Tiziano Carioni

SINOSSI
Lo spettacolo, presentato in occasione della chiusura dei festeggiamenti dei 150 anni del Comune di Vimodrone, partendo dalle interviste e dagli aneddoti che ci hanno consegnato i vimodronesi, raccontano la storia festiva della cittadina dal Dopoguerra ai giorni nostri.


VIDEO RACCONTO


SINOSSI
Raccontare la città attraverso chi la vive.

Attraverso l’intervista di 12 persone abbiamo ricostruito la storia di Vimodrone dal dopo guerra a oggi: una racconto di come la città sia nata grazie a movimenti di gruppi, formali, informali, politici, culturali, cooperativi. Una comunità nata sotto il segno dell’aggregazione e della cooperazione.


EVENTO ORGANIZZATO CON IL CONTRIBUTO DEL COMUNE DI VIMODRONE E DEL COMITATO 150° ANNIVERSARIO DI VIMODRONE


 “VimoStory” è un progetto sostenuto da Regione Lombardia – Bando Patrimoni Culturali Immateriali


“VimoStoory: il video racconto” è stato realizzato anche grazie al contributo di BCC Filiale di Vimodrone.


18.11.16 “Sherpa Teatro d’Altitudine” presenta “La Bastarda”

Venerdì 18 novembre 2016, ore 21:00, Teatro Sherpa presenta…


Donne contro la violenza. Donne contro la mafia.


IN RASSEGNA

LA BASTARDA. UNA VITA CORAGGIOSA
Compagnia Ragli

con Dalila Cozzolino, Andrea Cappadona, Antonio Monsellato, Rosario Mastrota
testo e regia di Rosario Mastrota
scenografia di Zorba Officine Creative
maschere di Andrea Cavarra
organizzazione Ettore Nasa
ufficio stampa Marzia Spanu
disegno luci Dario Aggioli
luci e fonica Giacomo Cursi
grafica Nicola Mastrota
consulenza Paolo De Chiara

SINOSSI
L’amore, talvolta, può trasformarsi in una trappola infernale, in qualcosa di incontrollabile che trascende la realtà. Lea Garofalo è una giovane donna, vittima di un amore malsano. Il suo cuore sedotto decide di amare Carlo Cosco, uno ‘ndranghetista. Il risultato di questa unione è Denise, una figlia. Ben presto l’amore si appanna e Lea inciampa nella realtà: come una leonessa che protegge il suo cucciolo, Lea rinuncia alla sottomissione e al silenzio deflagrando la verità, sconfessando segreti impronunciabili. Si autocondanna al peccato numero uno dell’organizzazione criminale calabrese: il tradimento; diventa “la bastarda”, diventa “carne morta”, diventa una vittima della libertà. I suoi carnefici l’hanno chiamata “bastarda” per svilirne il nome.
“Bastardo”, invece, vuol dire “ibrido fra due razze” e, tra l’una e l’altra, Lea, ne ha scelto una terza che l’ha resa unica.


PROGETTO APRIPISTA

PI AMURI. NEL NOME DI PIERA AIELLO
Compagnia del Bivacco

di e con Lucia Nicolai, Eleonora Iregna, Benedetta Marigliano
spettacolo vincitore ex aequo Borsa Teatrale Anna Pancirolli 2016

SINOSSI

Raccontiamo storie di coraggio, storie di donne che hanno detto NO al potere mafioso. Donne che hanno detto no per amore di giustizia, per amore della vita, per amore. Questa sera è dedicata a Piera Aiello, moglie del boss mafioso di Partanna Nicola Atria. Piera, dopo la morte del marito, a 24 anni, si allontana da Partanna con la figlia Vita Maria per diventare testimone di giustizia con Paolo Borsellino.


INFO BIGLIETTI

Intero 13€
Ridotto (residenti a Vimodrone, under 18, over 65) 10€
Ridottissimo (associati Amnesty, A.N.P.I., CAI) 6€

PREVENTITA SU VIVATICKET


 PRENOTAZIONI

Chiama i numeri 02.95299528 | 328.1216917
Per info: comunicazione@industriascenica.com
Oppure passa a trovarci: siamo in via Sant’Anna 4 a Vimodrone (previo contatto telefonico).

Tutti gli spettacoli si svolgono presso
il Circolo Everest, Via Sant’Anna 4, Vimodrone (MI)
Fermata MM2 Vimodrone


EVENTO ORGANIZZATO CON IL CONTRIBUTO DEL COMUNE DI VIMODRONE – ASSESSORATO ALLE PARI OPPORTUNITA’ 

CON LA PARTECIPAZIONE DI AMNESTY INTERNATIONAL LOMBARDIA


Ti racconto una Favola a Vimodrone. Il programma di Novembre

Ti racconto una favola a vimodrone_novembre

Ti racconto una favola a… Vimodrone” è l’ appuntamento per famiglie nato dalla collaborazione tra la Biblioteca di Vimodrone, Circolo Everest e  Cooperativa Sociale Industria Scenica.

In occasione dei 150 anni della città di Vimodrone, l’iniziativa prevederà storie del passato lette e animate per raccontare la nostra città ai più piccoli.


CALENDARIO DI NOVEMBRE


Domenica 13.11.2016 | ore 11:15
NONNO, MI RACCONTI UNA FAVOLA?

presso il Circolo Everest | Via S. Anna, 4 –  Vimodrone
Storie di lavatoi e di belle lavanderine
Ingresso: gratuito

Domenica 27.11.2016 ore 11:15
LE FIABE IN BIBLIOTECA
presso la Biblioteca di Vimodrone | Via Cesare Battisti, 54 – Vimodrone
Fiabe tradizionali della cultura popolare lette e animate da Rina Perego e Vincenzo Gornati.
Ingresso: gratuito

Ogni mercoledì pomeriggio alle ore 16:45
LE FIABE LIBRAMBINI

presso la Libreria Librambini | Viale Martesana, 95 – Vimodrone
Ingresso: gratuito


PER INFO

Telefono 02.36580730 | 02.95299528
Mobile 328.1216917
Mail comunicazione@industriascenica.com